Tutti gli articoli di Maria Pia Rosati

Estremadura e la domanda fondamentale

L’uomo nella notte accende una luce a se stesso. Eraclito, 26 Estremadura: un luogo simbolico Il titolo di questa raccolta di pensieri di Giuseppe Lampis è il nome della fascinosa Estremadura iberica, un nome di alto significato simbolico con il quale si vuole indicare un luogo di riflessioni, meditazioni, chiarificazioni sulle questioni più importanti dell’avventura del vivere. In Estremadura sorgeva il convento di Yuste, sottoposto alla severa regola dei gioachimiti: là si ritirò Carlo V quando ritenne fosse giunta l’ora … Continua la lettura di Estremadura e la domanda fondamentale

Introduzione alla simbolica del grande Pòlemos

I ndagando sulla II guerra mondiale, lo storico inglese Alan John Percevale Taylor incontra una semplice verità strategica: l’abile generale Chiang Kai-sheck interponendosi in una zona chiave della Cina e tenendovi impegnato il Giappone ha impedito che la Russia venisse attaccata in oriente alle spalle mentre stava riversando vittoriosamente l’intero suo potenziale contro la Germania hitleriana. L’osservazione riguarda un fatto discretamente ovvio che la vulgata ha però preferito tenere in ombra; del resto la valorizzazione del contributo chiave della Cina nazionalista, … Continua la lettura di Introduzione alla simbolica del grande Pòlemos

Sa Bia de sa palla – Prefazione

A Giovanni Pugliese Carratellitu dì: «sono figlio della Terra e del Cielo stellato» … e quando avrai bevuto (l’acqua della Memoria) percorrerai la sacra via … (lamina orfica) Questo è il racconto di una via, una via che ha molti punti di partenza. La Via della paglia, la scia lasciata da un mitico ladro della paglia, è il nome con cui viene chiamata la Via Lattea sotto vari cieli, dall’Africa meridionale, al Caucaso, all’Asia centrale. E in Sardegna. L’eminente linguista … Continua la lettura di Sa Bia de sa palla – Prefazione

La psicoterapia come viaggio iniziatico

Ad Annamaria Iacuele, psicoterapeuta, la cui esistenza è stata un viaggio iniziatico verso il Sé Eterno.   Noi agiamo soltanto nella misura in cui riusciamo a dare – non importa se il dono viene ricevuto subito o no. E abbiamo diritto di essere soltanto nella misura in cui riusciamo a prestare attenzione. Perchè noi stessi possiamo donare soltanto ciò che esigiamo da noi stessi. Ed è unicamente la profondità con cui posso pretendere il mio essere da me stesso a … Continua la lettura di La psicoterapia come viaggio iniziatico

L’uomo e la parola Prolusione in onore di Annamaria Iacuele

S.P.I.GA Scuola di Psicoterapia Interpersonale e Gruppoanalisi Anno Accademico 2008-2009 Cari colleghi, Sono felice di dare il mio contributo all’incontro iniziale dell’anno accademico in cui verranno riformulati i ‘segnavia’ del percorso che ci accingiamo ad intraprendere tutti insieme, docenti ed allievi, uniti dall’unico desiderio di sempre più pienamente apprendere e com-prendere noi stessi, gli altri e il senso della nostra avventura umana. Oggi il mio contributo è dedicato ad Annamaria Iacuele che partecipò con il professor Morrone alla fondazione della … Continua la lettura di L’uomo e la parola Prolusione in onore di Annamaria Iacuele

Foto-grafia tra arte e tecnica

La tecnica oscilla tra due poli: nell’azione sacra, si affaccia a un mondo sempre nuovo, abolisce il passato, inizia l’essere; nell’azione profana resta ossessivamente ripetitiva del già fatto e riconferma la causalità. Si tratta dei due significati della ripetizione, accolta o come rinascita ab origine o come duplicazione meccanica del dato. L’oscillazione fra i due poli gioca sulla chiamata in causa dell’uomo che si vede assegnato un ruolo decisivo nella venuta in opera dell’essere. L’epoca della tecnica moderna si dischiude a seguito … Continua la lettura di Foto-grafia tra arte e tecnica

Una religione dell’atto cruento – Prefazione

La religione di Mithra è una religione misterica, quindi poco incline a fornire una documentazione diretta della propria dottrina esoterica, e inoltre fu oggetto di una repressione e di una damnatio memoriae particolarmente radicali. Da ciò derivano i molteplici problemi che hanno affaticato gli ultimi interpreti. Alcuni studiosi esaminando il rapporto tra il suo nucleo originale e l’aspetto astrologico con cui si presenta fra i Romani trovano che la cornice filosofica astrologica sia coessenziale con il messaggio autentico del dio. … Continua la lettura di Una religione dell’atto cruento – Prefazione

Dal tempo perduto al tempo ritrovato

INDICE: Dal tempo perduto al tempo ritrovato Il tempo perduto Il tempo ritrovato Memoria interiore è possibilità di sopravvivere, assente presenza della vita. Una vita che si recupera, animata nuovamente nello stesso atto del ricordo, per la coscienza di ciò che rende possibile questo ricordo. Memoria non vuol dire mera presenza fattuale di un passato. La presenza cosciente chiede che il presente nel quale il passato appaia incorpori in ogni atto di “presenza” l’orizzonte della sua indeterminabilità.

Presentazione della rivista (Maria Pia Rosati) Meeting di Rimini - 1994

Per spiegare il senso della rivista «átopon», appunto rivista di psicoantropologia simbolica e tradizioni religiose pubblicata a cura dell’Istituto Mythos, vorrei innanzitutto cominciare col raccontare come e con quali intenti è nato l’Istituto Mythos. Il gruppo di studiosi che ha fondato Mythos era prevalentemente costituito da psicoanalisti junghiani. Proprio come psicoanalisti ci incontriamo quotidianamente con il dolore, con l’ angoscia, in una parola con il male di vivere non solo del singolo che chiede aiuto e che, paradossalmente, essendo già … Continua la lettura di Presentazione della rivista (Maria Pia Rosati) Meeting di Rimini – 1994

Editoriale Vol. VII

Il VII volume della rivista Atopon pubblica gli atti del Convegno ” Figure archetipali, tracce sui sentieri dell’uomo” tenuto a Bracciano il 3-4 ottobre 2009 in onore di Annamaria Iacuele ed esce nella veste tradizionale da lei scelta al momento della creazione della rivista della quale, come direttrice, ha curato ogni edizione con competenza e attenta cura. Il convegno è stato una sinusia di studiosi che avendo conosciuto e stimato Annamaria Iacuele per la sua attenzione, nella vita come nella … Continua la lettura di Editoriale Vol. VII

Maschere e dèmoni vol. II – Prefazione

  Questo secondo volume dello studio di Giuseppe Lampis sviluppa e completa gli annunci emersi nel primo indagando i fondali della grande cultura greca, ma può anche essere preso a sé per il suo oggetto specifico, che va dalle maschere dogon a quelle degli sciamani, principalmente degli sciamani asiatici. Il tema non è cambiato, l’autore persegue nel chiarire il significato metafisico del mascheramento e della trasformazione del visibile. Con ciò si tratta sempre del tentativo dell’uomo di interpretare gli elementi … Continua la lettura di Maschere e dèmoni vol. II – Prefazione

Maschere e dèmoni vol. I – Prefazione

  Che cosa è una maschera? Questo tema ha attratto studiosi di differenti discipline, filologi, etnologi, antropologi, storici delle religioni che vi hanno dedicato opere significative, orientate sui singoli aspetti specifici. Il tema di sintesi è stato affrontato di rado in modo diretto ma con risultati di grande rilievo, fra i quali ricordiamo quelli di Karl Meuli, René Guénon, Titus Burckhardt, Claude Lévi-Strauss. Da tali studi siamo sospinti a porci una domanda. L’uso delle maschere si limiterebbe a rappresentare una … Continua la lettura di Maschere e dèmoni vol. I – Prefazione

Mortali immortali… Immagini dall'antico di Lorenzo Scaramella

  Lorenzo Scaramella fotografa statue, statue di dei, di angeli, di poeti e di figure emblematiche. Guardando queste fotografie ci può capitare di sentirci come gli uomini di cui parla Platone da sempre incatenati nella caverna che hanno conosciuto come unica realtà le ombre proiettate sulla parete e che improvvisamente liberati sono colti dallo stupore di un’altra realtà. Il miracolo operato dalla fotografia di Lorenzo Scaramella, vera “scrittura di luce”, rompe la barriera tra materia ed essenza e consente un’apertura … Continua la lettura di Mortali immortali… Immagini dall’antico di Lorenzo Scaramella

Zoocratie La tyrannie des bêtes

Personale di Sylvia Mair Galleria delle Battaglie Brescia, dal 20 maggio al 24 giugno 2006 Nel mito e nella fiaba il mondo reale viene assunto come alfabeto delle energie psichiche (animali) che convivono con il lato più strettamente umano dell’individuo, in sé positive ma che possono ostacolare la sua libertà se prendono il sopravvento, per es. come ricerca di piacere, soddisfazione o potere fini a sé stessi. L’animale mitologico o fiabesco è un “luogotenente” di energie e di pulsioni egoiche e/o … Continua la lettura di Zoocratie La tyrannie des bêtes